per i fotografi professionisti.

oggi tanto per cambiare non sono incazzato con i fotografini quelli finti senza partita iva che lavorano a niente pur di poter raccontare agli amici al bar che loro, nella vita, fanno i fotografi.

oggi ho dei problemi da risolvere invece coi professionisti, quelli con la partita iva. a voi mi rivolgo e vi chiedo, perchè tanto lo so che venite qui a leggere le fesserie che scrivo, da voi voglio sapere cosa ne avete fatto dei diritti di utilizzo. li avrete mica nascosti da qualche parte insieme alla vostra dignità? lo chiedo perchè nei miei preventivi c’è sempre scritto da qualche parte che i diritti di utilizzo sulle immagini li cedo per tot anni e per ben determinati usi. mica che ci possono fare tutto quel che gli passa per la testa per sempre.

questa è una breve lista delle cose che mi sento dire dai clienti ormai giornalmente:

i diritti d’utilizzo? cosa sono? gli altri fotografi non mi hanno mai chiesto nulla di simile. le foto le pago quindi sono mie ci voglio fare tutto quello che voglio. e quanto mi costerebbe tra tot anni rinnovare ed estendere i diritti d’utilizzo? (risposta: e chi lo sa quanto sarà aumentata la benzina tra tot anni?) eh ma non siamo mica a milano, qui da noi i diritti d’utilizzo non si chiedono. gli altri fotografi i diritti d’utilizzo non li chiedono, se vuoi lavorare non li devi chiedere neanche tu. eh sì il preventivo l’ho visto, va molto bene, ma questa cosa sui diritti d’utilizzo potrebbe influire negativamente in maniera determinante.

queste son le più simpatiche, poi se volete continuo.
ora, cari colleghi, posso anche esser disposto a trentacinque anni a far finta di essere scemo e di figurare come quello giovane che si affaccia ingenuamente sul mercato. ma portarmi sulle spalle il retaggio del vostro modo brutto di fare i professionisti è tanto pesante. io ci provo ad essere onesto, a lavorare a cifre di mercato ragionevoli, a non fare concorrenza sleale, e in questo mestiere ci ho investito tutta la mia vita da quando ho potuto iniziare a investire del mio sulla mia vita. ma non posso essere responsabile del fatto che voi, per lavorare, per portarvi a casa i vostri dannatissimi clienti, per vincere le vostre guerre tra poveri, abbiate abbassato le braghe e vi siate fatti infilare nel didietro ma porcocane lasciam stare che se no divento pesante.

vi auguro ogni bene, continuate così.

the-zen-circus1

Annunci

I commenti sono chiusi.